Chiedi un preventivo ed entra in contatto con i professionisti della tua città

Richiedi preventivo

Richiedi un preventivo

Richiedi un preventivo, presenta il tuo quesito, entra in contatto con i professionisti della tua città.
Scopri di più

Controversie e cause di lavoro

Per controversie di lavoro si intendono tutti quei contrasti che possono insorgere tra datore di lavoro e lavoratore, sia in costanza del rapporto di lavoro, sia dopo la sua cessazione. Possono riguardare tanto aspetti prettamente economici, quanto i numerosi termini che regolano il contratto di lavoro e le reciproche obbligazioni, ivi compresi il rispetto delle norme igieniche e quelle inerenti la sicurezza sul lavoro. La materia, che costituisce un’ampia parte del diritto del lavoro, è regolata, sul piano pratico, dagli articoli 409 e seguenti del Codice di Procedura Civile, nonché dagli articoli 31 e 32 della Legge 183 del 2010 (relativi questi ultimi agli istituti dell’arbitrato e della conciliazione).

Le controversie individuali di lavoro si riferiscono ai rapporti di lavoro subordinato privato, a quelli relativi a dipendenti di enti pubblici, ai contratti di rappresentanza commerciale e agenzia, e ai rapporti di colonia, mezzadria e altri istituti agrari. Tutte le controversie individuali sono di competenza del cosiddetto “Giudice Unico del Lavoro”, ruolo che viene ricoperto dal Tribunale ordinario. La controversia avanti al Giudice può essere fatta precedere da un tentativo di mediazione, sotto forma di conciliazione, dinanzi alle apposite commissioni della Direzione Provinciale del Lavoro.

È da notarsi, però, che con l’entrata in vigore della succitata Legge 183/2010, esperire il tentativo di conciliazione non è più obbligatorio, pur con un paio di notevoli eccezioni. La conciliazione è infatti ancora un passo procedurale necessario solo per i rapporti aventi ad oggetto i cosiddetti "contratti certificati”, nonché nei casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo laddove il datore di lavoro ricada nel campo di applicazione dell’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Il lavoratore ha comunque 270 giorni di tempo - pena la decadenza - per decidere se rivolgersi all’Autorità giudiziaria o optare per una mediazione amministrativa, e la conciliazione può essere proposta anche dall’associazione sindacale cui lavoratore sia iscritto (o abbia conferito uno specifico mandato).

L’arbitrato prevede invece che gli attori della causa costituiscano un collegio, che sarà composto da un rappresentante di ciascuna delle parti e da un Presidente, scelto congiuntamente dagli altri due arbitri tra professori universitari di diritto o avvocati cassazionisti. Ove le soluzioni amministrative venissero respinte dalla controparte o fallissero, ci sono ulteriori 60 giorni per adire il Tribunale ordinario. Il datore di lavoro che voglia partecipare alla conciliazione o all’arbitrato può rivolgersi ad uno studio di consulenza del lavoro, in grado di indicare la procedura più confacente al caso di specie e di collaborare alla raccolta della documentazione necessaria per la discussione della controversia, nonché alla redazione delle memorie e allo studio di eventuali clausole compromissorie. Va ricordato che, così come stabilito dal Decreto Legge 98 del 2011, anche nelle cause inerenti materie di competenza del Giudice del lavoro deve essere pagata una somma proporzionata al valore della controversia, ovvero il cosiddetto contributo unificato. Sono esentati dal pagamento i titolari di un imponibile IRPEF o IRES (come da ultima dichiarazione presentata) che non superi il triplo del livello di reddito annuo che dà diritto al gratuito patrocinio (attualmente pari a 10.766,33 euro). L’esenzione non vale però per il giudizio in Cassazione dove, anzi, il contributo dovuto raddoppia.

Per ricevere un consiglio legale per Controversie e cause di lavoro domanda direttamente ad un nostro avvocato specializzato.

1,262 avvocati che offrono il servizio di Lavoro Controversie

Paolo Cuminetti

Avvocato
Viale delle orobie - Provincia di Bergamo (Spirano)

"Mi occupo principalmente di diritto civile e diritto del lavoro, offrendo consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale prevalentemente in ambito societario e dell'impresa. Fornisco, inoltre, a..."

Federico

Avvocato
Borgo xx marzo - Provincia di Parma (Parma)

"Esercito la professione di avvocato nello Studio legale di famiglia, fondato da mio nonno nel 1955 in Parma. Le best practice che nel corso di oltre sessant'anni si sono consolidate nel nostro studio..."

Avv. Sebastiano Distefano

Avvocato
Via plinio 95 - Provincia di Taranto (Taranto)

"Lo studio si occupa di diritto civile, penale e amministrativo, in particolare: - Diritto Commerciale; Diritto del Lavoro; Diritti Reali; Proprietà e Possesso; Successioni e Famiglia; Diritto Bancari..."

Stefano Di Donato

Avvocato
Via ponte marino - Provincia di Ravenna (Ravenna)

"Lo Studio Legale Della Ratta & Di Donato ha sede principale nel cuore del centro storico di Ravenna, a pochi passi da Piazza del Popolo. Nasce dalla collaborazione di due avvocati, Domenico De..."

elisa morana

Avvocato
Via roma - Provincia di Ragusa (Ragusa)

Preventivo?!

Ricevi subito una proposta personalizzata dai professionisti che operano nella tua città!

Richiedi Preventivo
Altri 1,257 avvocati:

QuiAvvocato.com

QuiAvvocato.com è un motore di ricerca per trovare in modo facile e immediato Avvocati, Civilisti, Penalisti, Consulenti Legali e del Lavoro nella tua zona e in base all'area di competenza che stai cercando.
Per trovare da subito una consuleza legale comincia da qui.